La questione dei rifiuti in plastica

Noi europei amiamo sentirci al sicuro perché facciamo tutto bene, li abbiamo Separazione dei rifiuti inventato! Gettiamo gli imballaggi di plastica nel sacco giallo, quindi abbiamo la coscienza pulita, perché la plastica viene riciclata e da essa vengono realizzati nuovi prodotti.
Pensiamo.
 
La verità è che solo una parte viene riciclata. Quanto, le affermazioni differiscono, ma almeno molto meno della metà. Inoltre, il sacco o cestino giallo è destinato esclusivamente al confezionamento con il punto verde. Tutti gli altri rifiuti di plastica appartengono ai rifiuti domestici e vanno agli impianti di incenerimento dei rifiuti, risorse preziose vanno irrimediabilmente perse.
E: l'incenerimento dei rifiuti costa un sacco di soldi, quindi sorge la domanda: qual è il modo più economico per sbarazzarsi dei nostri rifiuti?
 
Dopo che la Cina non voleva più essere la discarica europea, sono state trovate nuove destinazioni, ad esempio Malesia, Vietnam. Anche questi paesi hanno ridotto i quantitativi o vietato l'importazione di rifiuti.
Oggi l'Indonesia è il più grande importatore singolo per Rifiuti di plastica dall'UE. L'Indonesia è il secondo più grande inquinatore Plastica nell'oceano.
Secondo Stopoceanplastics lo scarico di plastica nell'acqua è stimato in circa 1 milione di tonnellate all'anno. La Malesia è attualmente anche uno dei primi 10 inquinatori di plastica nel mare. Ed è qui che forniamo il nostro Rifiuti di plastica giù.
Qualsiasi tipo di spazzatura riguarda sempre i soldi e talvolta anche lo smaltimento illegale. È un affare.
 
Si crede che plastica non è decomposto dai microrganismi. Sebbene diventi continuamente più piccolo sotto la luce UV, non viene mai completamente scomposto. Le microparticelle vengono portate via dal vento e ad un certo punto finiscono inevitabilmente in mare. Polvere colorata che ritorna attraverso la catena alimentare e finisce nel nostro sangue. Siamo ancora all'oscuro delle conseguenze per il nostro organismo.
Le foto di balene o tartarughe marine catturate nella spazzatura di plastica ci fanno riflettere, ma non è colpa nostra perché separiamo la nostra spazzatura?
Pensiamo a come ognuno di noi può fare la propria parte per il proprio ambiente, iniziamo con l'evitare i rifiuti di plastica. Ogni giorno.
Si inizia con la spesa quotidiana, attenzione alla confezione!
L'industria e molte aziende hanno da tempo iniziato a offrire imballaggi biodegradabili o in carta anziché in plastica. Sta a noi accettare queste offerte.
 
Noi di SHAVENT avere il rasoio bagnato senza plastica al posto di Rasoio usa e getta e le testine intercambiabili usa e getta sono impostate.
Il nostro contributo contro l'alluvione di plastica!
 
A proposito: Rasoi usa e getta e testine intercambiabili non fanno parte della borsa gialla! Inoltre non sono riciclabili perché sono costituiti da un composto di plastica, metallo e gomma.
 
Il Rasoio da barba SHAVENT comunque lo è sostenibile e rimane bello, moderno e funzionale per molti anni. Il Suono sono facili da sostituire e appartengono ai rifiuti metallici, semplici e riciclabili al 100%.
La cosa migliore da fare è raccogliere le lame usurate nella nostra piccola scatola in dotazione, disponibile anche nel nostro negozio, per smaltirle successivamente come rifiuti metallici.
Un altro vantaggio: puoi cambiare le lamette molto più frequentemente, perché sono estremamente economiche e disponibili in confezioni da 100. Ecco percheì avrai sempre scorte disponibili e il tuo SHAVENT offrira' sempre una rasatura liscia ed uniforme.
 
Metti fine alla tua rasatura con i rasoi usa e getta o alle testine intercambiabili!
Contribuisci anche tu ad evitare gli inutili rifiuti di plastica con SHAVENT.
Torna al blog